UNI EN ISO 9712

VTPTMT

Prove non distruttive - Qualificazione e certificazione del personale addetto alle prove non distruttive

Nel settore della diagnostica industriale, i metodi di analisi non distruttiva di tipo "superficiale" assumono notevole interesse per la valutazione dell'integrità strutturale di componenti e parti di impianto particolarmente critiche, al fine di assicurarne la funzionalità in esercizio, la continuità di utilizzazione ed il grado di sicurezza richiesto nei confronti dell'uomo e dell'ambiente.

Negli Stati Uniti all'inizio degli anni '70, l' American Society for Non Destructive Testing ( ASNT ) ha emesso la prima normativa in merito, la SNT-TC-1A per la qualificazione del personale addetto ai controlli non distruttivi.

In seguito anche altri paesi hanno emesso normative nazionali sostanzialmente simili a quella americana. Nel 1993 il comitato Europeo di Normazione ( CEN ) ha emesso la norma europea EN 473/ISO 9712, edita in Italia con la sigla UNI EN 473/ISO 9712 “ qualifica e certificazione del personale addetto alle prove non distruttive, in fine nel 2012 è stata emessa unicamente la norma UNI EN ISO 9712:2012.

In particolare sia il DM 14/01/2008 (NTC) che la norma UNI EN ISO 1090 prevedono l'esecuzione dei suddetti controlli al fine di verificare l'integrità della struttura e/o il risultato di processi speciali quali la saldatura, in particolare riferimento alle NTC viene richiesto obbligatoriamente il controllo al 100% di tutti i giunti saldati con il metodo VT.La norma suddivide il personale addetto all'esecuzione delle Prove non Distruttive in tre livelli e ne definisce le competenze che possono essere così sintetizzate:

I Livello:esecuzione del controllo

Una persona certificata Livello 1 ha dimostrato competenza per effettuare la prova non distruttiva in accordo a istruzioni scritte sotto la supervisione di personale certificato a Livello 2 o Livello 3. Con lo scopo e le competenze definite nel certificato, il personale di Livello 1 può essere autorizzato dal datore di lavoro ad effettuare in conformità alle istruzioni PND le seguenti operazioni:

  • impostare l'equipaggiamento NDT (Non Destructive Testing);
  • effettuare la prova;
  • risultare e classificare i risultati della prova in accordo coni criteri delle istruzioni NDT;
  • refertare il risultato;

II Livello:interpretazione dei risultati e valutazione di rispondenza alle specifiche, inoltre il II livello dà le istruzioni per il rilievo al I livello che può solo operare con le istruzioni del II livello.

Una persona certificata Livello 2 ha dimostrato competenza per effettuare la prova non distruttiva in accordo a una procedura NDT. Con lo scopo e le competenze definite nel certificato, il personale di Livello 2 può essere autorizzato da datore di lavoro a:

  • selezionare la tecnica NDT per il metodo utilizzato;
  • definire le limitazioni nell'applicazione del metodo NDT;
  • tradurre codici NDT, standards, specifiche e procedure in istruzioni NDT adatte alle condizioni reali di test;
  • impostare e verificare il settaggi degli strumenti CND;
  • effettuare e sorvegliare la prova NDT;
  • interpretare e valutare i risultati in accordo agli standards, codici, specifiche o procedure applicati;
  • realizzare e sovrintendere a tutte le attività del livello 2 o del Livello 1;
  • fornire una guida al personale di Livello 2 o di Livello 1;
  • refertare il risultato;

III Livello:organizzazione del sistema di controlli non distruttivi, stesura delle specifiche e addestramento del personale.

La suddivisione nei tre livelli si applica a ogni metodo di Prove non Distruttive. La norma UNI EN ISO 9712 definisce anche le modalità per la certificazione nei tre livelli.

L'accesso diretto al Livello 2 richiede la somma delle ore previste per il Livello 1 e il Livello 2

Tabella – minime ore di formazione per Livello 1 e Livello 2

Metodo NDT Livello1 Livello2
AT 40 64
ET 40 48
LT – B Pressure method  24 32
LT . C Tracer gas method  24 40
MT  16 24
PT  16 24
ST  16 24
TT  40 80
RT 40 80
UT  40 80
VT 16 24

*Note for RT, training hours do not include radiation safety training

Sono previste delle riduzioni delle ore di formazione per un massimo del 50%

Minima esperienza industriale nel metodo per cui si richiede la certificazione.

Tabella – esperienza industriale

Metodo NDT Esperienza in mesi
Livello 1 Livello 2
AT, ET, LT, RT, UT, TT 3 9
MT, PT, ST, VT 1 3

Le prove non distruttive sia di carattere superficiale che volumetrico applicabili alle saldature vengono definite dalla norma UNI EN ISO 17635.

Tags: certificazioni, personale, pnd

Video